Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Sanzioni antitrust. Come viene calcolato l’importo base della sanzione.

Sanzioni antitrust. Come viene calcolato l’importo base della sanzione.

L’importo base per l’ammenda (sanzione) applicata sia dall’Antitrust che dalla Commissione Europea viene calcolato nel seguente modo:

  1. si prende il fatturato dell’impresa (al netto dell’iva e delle altre imposte legate alle vendite) relativo alle vendite di beni e servizi venduti sul mercato interessato dall’infrazione nell’ultimo anno intero della durata dell’infrazione.
    Se il fatturato:
    a) non viene esibito dall’impresa,
    b) non è veritiero,
    c) non sufficientemente chiaro, o
    d) comunque non determinabile, l’Antitrust lo determina autonomamente avuto riguardo ad ogni altra informazione a propria conoscenza.
    Normalmente l’Autorità prende in considerazione: 1) la media del valore delle vendite nell’intero periodo di durata dell’infrazione ovvero 2) un altro anno di tale periodo di riferimento oppure 3) una percentuale del fatturato totale.
    La base per partire con il conteggio viene fissata partendo da una proporzione di tale valore che puo’ arrivare fino al 30% dello stesso in base ad alcune circostanze.
    Nel caso di accordi orizzontali aventi ad oggetto i prezzi, i mercati e le limitazioni della produzione (sono i casi più diffusi) la percentuale del valore delle vendite che viene normalmente presa in considerazione non è inferiore al 15%.
  2. Successivamente il valore di partenza come sopra determinato è moltiplicato per il periodo di infrazione.
    Per frazioni inferiori di un anno l’Antitrust li calcola in base ai mesi nonchè ai giorni effettivi di partecipazione all’infrazione.
    Mentre la Commissione Europea i periodi:
    a)inferiori ad un semestre li considera come metà anno.
    b)superiori ad un semestre ma inferiori ad un anno li considera come un anno.
  3. Da ultimo, a prescindere dalla durata temporale dell’infrazione, dall’importo base viene si calcola anche una ulteriore percentuale che varia dal 15% al 25% del valore delle vendite.
    Cio’ per dissuadere l’impresa da future nuove infrazioni.

Dopo aver determinato l’importo base della sanzione, così come nel diritto penale, si applicheranno eventuali circostanze attenuanti che potranno far diminuire l’importo ovvero circostanza aggravanti che potranno farlo aumentare.