Avvocato Cavalea > Articoli  > Concorrenza sleale  > Querela per contraffazione infondata – concorrenza sleale – risarcimento danni

Querela per contraffazione infondata – concorrenza sleale – risarcimento danni

Presentare una querela infondata per contraffazione di un brevetto può comportare gravi conseguenze per colui che la sporge.

Nella querela era stato anche chiesto il sequestro preventivo dei prodotti esposti dal concorrente durante una fiera. Il sequestro era stato successivamente eseguito dalla Guardia di Finanza.

Tuttavia la querela è risultata infondata e presentata in modo imprudente ed azzardato in quanto alcuna violazione del brevetto era stata commessa dalla azienda querelata.

Quindi il Tribunale ha condannato la denunziante al risarcimento dei danni a favore dell’azienda querelata. Danni comprensivi:

-delle spese per consulenze,

-dei costi per partecipare all’evento fieristico,

-delle spese pubblicitarie per controbilanciare gli effetti negativi del sequestro illegittimo e

-della violazione dell’immagine commerciale patita.

Il tutto anche se per tali tipi di contraffazioni brevettuali si procede d’ufficio in quanto il denunziante deve sempre prestare particolare attenzione prima di procedere in sede penale nei confronti del concorrente asseritamente scorretto.

Presentare una denuncia infondata equivale a commettere una azione di concorrenza sleale nei confronti del concorrente.

(Tribunale di Torino, sentenza del 02-02-2012)