Avvocato Cavalea > Altro  > Prodotti cosmetici – divieto di assimilarli ai medicinali

Prodotti cosmetici – divieto di assimilarli ai medicinali

L’articolo 23 del codice di autodisciplina pubblicitaria disciplina la pubblicità dei prodotti cosmetici e dell’igiene personale.

La pubblicità dei cosmetici è consentita purchè si attribuiscano ad essi proprietà realmente possedute.

I cosmetici:

1) non possono essere assimilati ai medicinali, e

2) si devono evitare affermazioni o fare accostamenti suggestivi al fine di trarre in equivoco  i consumatori sulla natura del prodotto.

I cosmetici devono essere ben distinti dai medicinali nella pubblicità, anche se possono avere delle proprietà cd. sussidiarie che aiutano a prevenire l’insorgenza di alcune patologie (come i medicinali).

Nella pubblicità dei cosmetici possono essere utilizzati anche termini scientifici.

Spesso viene utilizzata la figura di un medico in camice bianco. L’utilizzo è consentito, ma si deve fare molta attenzione al loro utilizzo o all’accostamento della loro figura ai prodotti pubblicizzati.

(Normativa di riferimento: art. 23 del Codice di autodisciplina pubblicitaria).

Condividi: