Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Pratiche commerciali aggressive – società di recupero crediti

Pratiche commerciali aggressive – società di recupero crediti

La Euroservice Group s.p.a. è una società che concede finanziamenti ed acquista crediti scaduti ed insoluti delle imprese ma anche di enti pubblici e di privati.

Tale società per recuperare i crediti si avvale di alcune società dalla medesima controllate ovverosia la Global contact s.r.l. e la All in One s.r.l.

Tali società per l’Antitrust hanno violato il Codice del Consumo poiché hanno posto in essere le seguenti pratiche aggressive:

1-telefonate insistenti ovvero anonime (cioè senza che l’operatore si qualificasse) non solo a presunti diretti debitori ma anche a parenti o addirittura a vicini di casa,

2-numerose e.mail e sms,

3-solleciti epistolari chiedendo anche interessi di mora non dovuti,

4-visite domiciliari anche più volte al giorno e

5-visite sui luoghi di lavoro

per recuperare crediti (relativi a forniture di energia elettrica e gas o finanziamenti) neppure dettagliati, alcuni in parte contestati ed alcuni anche prescritti.

La condotta delle società oltre ad essere di particolare incisività dal punto di vista psicologico, ha anche violato la privacy degli asseriti debitori.

In pratica le due società, secondo l’Antitrust, tentavano di porre i presunti debitori in uno stato di soggezione e di condizionamento indebiti molestandoli anche telefonicamente (con telefonate assillanti e reiterate).

Tali condotte ripetute nel tempo sono indubbiamente vietate. Esse tentavano di “forzare la mano” ovverosia indurre i consumatori (presunti debitori) a prendere una decisione di natura commerciale (il pagamento del debito) che non avrebbero altrimenti presto.

L’antitrust ha quindi deliberato che la Euroservice Group s.p.a. ha posto in essere delle pratiche commerciali scorrette  violando gli articoli 20, 24 e 25 lettere b) ed e), l’art. 26 lettere b) e c) del Codice del Consumo ed ha altresì vietato la continuazione del suindicato comportamento alla società anche in quanto contrario alla diligenza professionale.

Alla società è stata anche inflitta una sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500.000,00 da pagare entro 30 giorni dalla notificazione del provvedimento dell’Antitrust.

L’Antitrust ha anche disposto che la società modifichi le proprie condotte e comunichi all’Antitrust le iniziative che ha assunto per ottemperare a tale diffida.

Mentre nel caso in cui la società Euroservice Group s.p.a non dovesse ottemperare al provvedimento dell’Antitrust le verrà comminata un’ulteriore sanzione amministrativa e nel caso di reiterata inottemperanza potrà anche essere disposta la sospensione dell’attività per un periodo al massimo di 30 giorni.

Avverso il provvedimento dell’Antitrust può essere presentato ricorso al TAR.

Condividi: