Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Patto di non concorrenza dell’ex dipendente.

Patto di non concorrenza dell’ex dipendente.

Patto di non concorrenza dell’ex dipendente ai sensi dell’art. 2125 del cod. civ.

Il patto di non concorrenza dell’ex dipendente:

  1. può riguardare qualsiasi attività lavorativa che possa competere con quella del datore di lavoro e
  2. non deve essere per forza circoscritto alle sole mansioni espletate dal lavoratore nel corso del rapporto di lavoro.

Mentre il patto è nullo allorché la sua ampiezza sia tale da comprimere la esplicazione della concreta professionalità del lavoratore in limiti che ne compromettano ogni potenzialità reddituale. In pratica ciò vuol dire che il patto non deve limitare oltremodo le possibilità di reimpiego del lavoratore. Si veda sul punto Corte di Cassazione, sentenza n. 13282 del 10.09.2003.

Il patto è altresì nullo se non è pattuito un corrispettivo congruo a favore del prestatore di lavoro.

Tuttavia nello specifico caso affrontato dalla Corte di Cassazione, quest’ultima ha escluso il pagamento della somma concordata per il patto proprio perché ha accertato la violazione del patto di non concorrenza da parte del lavoratore.

Quest’ultimo aveva sottratto tramite pen-drive un numero rilevantissimo di dati anche se non coperti da password:

  • a)appartenenti alla società sua datrice di lavoro e
  • b)non disponibili per i terzi in quanto coperti da vincolo di riservatezza.

Mentre successivamente era andato anche a lavorare presso un’ azienda concorrente.

Il dipendente era stato altresì licenziato in tronco per aver violato l’art. 2106 del cod. civ. Era venuto meno il rapporto di fiducia che lo legava al suo datore di lavoro.

Giova precisare che la Corte ha specificato che il comportamento del dipendente è scorretto anche in assenza di divulgazione dei dati e delle informazioni coperte da segreto ai terzi. E’ infatti sufficiente ai sensi dell’art 2105 del cod. civ. la semplice sottrazione dei dati creandosene delle copie.

(Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 25147 pubblicata il 24.10.2017, relatore Garri Fabrizia).

Condividi: