Avvocato Cavalea > Altro  > Nuove procedure doganali per le merci sospettate di violare i DPI

Nuove procedure doganali per le merci sospettate di violare i DPI

Nuove procedure doganali per la tutela dei diritti di proprietà intellettuale

E’ entrato in vigore il 1° gennaio il nuovo Regolamento UE n. 608/2013 che ha abrogato il Regolamento 1383/2003.

E’ stato anche introdotto un nuovo regolamento di applicazione UE che è il numero 1352/2013 che ha abrogato il 1891/2004.

Questo regolamento disciplina le nuove norme procedurali per i controlli doganali contro le merci contraffatte. Si vuole così armonizzare il sistema dei controlli in tutta l’Unione Europea.

Le principali novità introdotte sono:

– una nuova procedura specifica per le piccole spedizioni (articoli 25, 26),

– viene favorito lo scambio di informazioni con i paesi terzi per le merci in transito che si sospettino violino i diritti di proprietà intellettuale,

– è istituita anche una banca dati elettronica nella quale verranno registrate tutte le domande di intervento e le violazioni dei diritti di proprietà intellettuale,

– l’introduzione di due nuovi formulari (con le note esplicative per la compilazione) che devono essere utilizzati per presentare alle autorità doganali le domande di intervento nazionali ed unionali e la richiesta di proroga,

– la tutela doganale viene ora estesa anche a:

1) topografia di un prodotto a semiconduttori,

2) modelli di utilità,

3) la denominazione commerciale purchè protetta come diritto esclusivo di proprietà intellettuale ai sensi della normativa nazionale o dell’Unione.

(Normativa di riferimento: Regolamento UE n. 608/2013; regolamento di applicazione UE 1352/2013)

Condividi: