Avvocato Cavalea > Normative  > Antitrust  > Legge concorrenza 2017. Tutte le novità.

Legge concorrenza 2017. Tutte le novità.

Legge concorrenza 2017. Tutte le novità.

Nuova legge concorrenza 2017 per energia, telemarketing, Poste Italiane, operatori telefonici, banche ed Hotel. Ecco le novità per questi settori.

  • Energia, slitta la fine del mercato tutelato

Slitta dal 1 gennaio al 1 luglio 2018 la fine del mercato di maggior tutela per l’energia elettrica ed il gas.

E’ prevista anche la possibilità di rateizzare le maxi-bollette di elettricità e gas causate da ritardi o disguidi dovuti al fornitore del servizio.

  • Bonifica per gli ex distributori. 

Modificata anche la disposizione che riguarda le attività di dismissione degli impianti di distribuzione dei carburanti che cessano definitivamente l’attività di vendita.

In caso di riutilizzo dell’area i titolari di impianti di distribuzione dei carburanti procedono alla rimozione delle strutture interrate.

Nel caso di accertata contaminazione, si deve procedere alla bonifica in ogni caso.

  • Asta per le forniture elettriche. 

E’ eliminata la possibilità di mettere all’asta la fornitura di energia elettrica per quegli utenti che non avranno optato per un operatore alla scadenza del regime di mercato tutelato.

  • Telemarketing. 

Sono state eliminate le disposizioni che obbligavano gli operatori dei call center a dichiarare l’identità del soggetto per il quale avviene la chiamata, specificare la natura commerciale e proseguire la chiamata solo in presenza di assenso del destinatario.

  • Poste ed esclusiva su notifica multe. 

Dal 10 settembre 2017, Poste italiane non avrà più l’esclusiva sulle notifiche di atti giudiziari e multe dei verbali di violazione del codice della Strada. Ciò al fine di far diminuire i costi delle notifiche.

Entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge l’Agcom determinerà i requisiti e gli obblighi per il rilascio delle licenze ai nuovi operatori.

  • Banche, tetti sui costi per le chiamate di assistenza. 

Gli istituti bancari e le società di carte di credito assicurano che l’accesso ai propri servizi di assistenza ai clienti, anche attraverso chiamata da telefono mobile, avvenga a costi telefonici non superiori rispetto alla tariffa ordinaria urbana.

  • Fondi Pensione.

Anche i disoccupati da 24 mesi potranno ottenere dal proprio fondo di previdenza complementare l’anticipo della rendita pensionistica integrativa sotto forma di rendita temporanea.

  • Cambio operatore tv o telefono.

I clienti dovranno essere informati in partenza di quali spese dovranno affrontare in caso di cambio operatore per il telefono o l’abbonamento tv.

Cambiare operatore e annullare un contratto (con il recesso) sono operazioni che il consumatore potrà fare anche per via telematica.

Il contratto non potrà essere superiore ai 24 mesi. Semplificate le procedure di migrazione tra operatori di telefonia mobile.

  • Pagamenti digitalizzati. 

I pagamenti per l’ingresso ai musei o a eventi culturali potranno essere effettuati anche tramite telefonino.

  • Hotel, stop al “parity rate”. 

Gli alberghi saranno liberi di fare alla clientela offerte migliori rispetto a quelle presenti nei siti Internet di prenotazione on line come quello di booking.