Avvocato Cavalea > Altro  > La trascrizione dei contratti relativi ai diritti di proprietà intellettuale

La trascrizione dei contratti relativi ai diritti di proprietà intellettuale

Devono essere trascritti all’ufficio italiano brevetti e marchi, e quindi resi pubblici, una serie di vicende relative ai diritti di proprietà intellettuale (marchi, brevetti,…)

Fra essi vanno trascritti anche gli atti fra vivi:

 

1)a titolo oneroso (per esempio un contratto di cessione o di licenza del marchio) o

 

2)a titolo gratuito (per esempio un contratto di donazione) che

trasferiscono in tutto o in parte i diritti sui titoli di proprietà industriale.

L’elencazione completa degli atti che vanno trascritti è presente all’art. 138 del codice della proprietà industriale.

La trascrizione è soggetta al pagamento del diritto dovuto all’ufficio italiano brevetti e marchi (è una sorta di tassa di registrazione).

Per ottenere la trascrizione si devono presentare una serie di documenti fra cui:

1)la nota di trascrizione, sotto forma di domanda,

2)copia autentica dell’atto pubblico ovvero l’originale o la copia autentica della scrittura privata autenticata ovvero

3)qualsiasi altra documentazione prevista dall’art. 196 del codice della proprietà industriale.

L’ufficio italiano brevetti e marchi:

a)esamina la regolarità formale degli atti, e dopo

b)procede senza ritardo alla trascrizione con la data di presentazione della domanda.

 

L’ordine delle trascrizioni è determinato dall’ordine di presentazione della domanda.

 

Effetti della trascrizione

 

Gli effetti della trascrizione sono simili a quelli che il codice civile prevede per i beni mobili registrati.

1)La trascrizione non condiziona la validità dell’atto (cioè anche se non è trascritto, l’atto è comunque valido), ma la sua opponibilità ai terzi aventi diritto sul marchio.

2)In caso di conflitto fra due aventi causa (per esempio fra due soggetti che hanno stipulato lo stesso contratto dal medesimo dante causa, cioè dal medesimo venditore), sarà preferito chi avrà trascritto l’atto per primo.

 

Tuttavia per il marchio comunitario vi sono delle regole parzialmente diverse.