Avvocato Cavalea > Altro  > La riproduzione delle fotografie

La riproduzione delle fotografie

La riproduzione delle fotografie:

1) nelle antologie ad uso scolastico, e

2) nelle opere scientifiche o didattiche è lecita contro il pagamento di un equo compenso.

Nella riproduzione deve indicarsi: il nome del fotografo e la data dell’anno di fabbricazione se risultano dalla fotografia riprodotta. La fotografia può essere riprodotta soltanto integralmente.

Mentre anche la riproduzione di fotografie pubblicate su:

1) giornali,

2) periodici concernenti: a) persone, b) fatti di attualità, c) eventi di interesse pubblico

è anch’essa lecita contro il pagamento di un equo compenso. In tal caso la libera riproduzione è giustificata da una esigenza di diffusione della conoscenza di fatti o persone che per una qualsiasi ragione sono emersi all’attenzione del pubblico.

Questioni possono insorgere per determinare il quantum dell’equo compenso. Tuttavia vi sono apposite tariffe (per esempio il DPCM 06-02-1988) dovute da chi utilizza la fotografia.

(Normativa di riferimento: art. 91 legge diritto d’autore – DPCM 06-02-1988)