Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > La concorrenza sleale per imitazione servile.

La concorrenza sleale per imitazione servile.

Concorrenza sleale per imitazione servile dei prodotti altrui. L’onere della prova.

Per la configurabilità della concorrenza sleale da imitazione servile di beni altrui è necessaria:

  • l’originalità del prodotto e
  • la capacità distintiva.

Essi integrano entrambi fatti costitutivi della imitazione servile di un prodotto.

Tali due requisiti sono necessari non in via alternativa ma cumulativa.

L’onere della prova incombe su chi agisce, mentre incombe sul convenuto l’onere di provare:

-la mancata novità del prodotto o

-la perdita sopravvenuta della sua capacità distintiva

quali fatti estintivi del diritto altrui. Si vedano Corte di Cassazione sentenza n.29522 del 2008; Corte di Cassazione, sentenza n. 15566 del 2015.

(Corte di Cassazione, sezione 1, ordinanza n.9770, pubblicata il 19.04.2018, rel. G. Iofrida).

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi 00393389703108 – 00352621469821 – email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: