Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > La concorrenza ed il mercato nella Costituzione.

La concorrenza ed il mercato nella Costituzione.

La concorrenza ed il mercato nella Costituzione. Breve evoluzione.

La nostra normativa sulla concorrenza trova il suo fondamento nell’attuazione dell’art. 41 della Cost. il quale tutela e garantisce il diritto di iniziativa economica. Vi è quindi un solido legame fra:

  • a) libertà di iniziativa economica,
  • b) mercato e
  • c) concorrenza.

Vi può essere una vera e propria libertà di iniziativa economica solo in un mercato aperto ovvero organizzato in senso pro-concorrenziale.
In origine tale disposizione normativa costituzionale era interpretata dalla letteratura solo come garanzia di libertà dell’imprenditore contro il potere (statale) che poteva limitare la sua libertà di iniziativa economica.
Anche i giudici costituzionali non vedevano di buon occhio una libera iniziativa economica privata e quindi, di conseguenza, la stessa concorrenza.
In pratica non consideravano che le imprese da sole potessero essere più efficaci dell’intervento pubblico per promuovere il benessere collettivo. Al privato doveva essere anteposto l’intervento pubblico quasi che la concorrenza fosse vista:

  • come un ‘pericolo’,
  • un fenomeno da ‘governare’ a livello amministrativo.

La realtà cambia pero’ con l’introduzione della riforma del Titolo V della Costituzione. Finalmente la concorrenza è tutelata a livello costituzionale. E’ una materia di stretta competenza statale.
Non viene più vista come regolante i soli rapporti fra imprenditori e non vi possono essere più limiti imposti alla medesima da leggi statali o regionali.
La concorrenza diviene un bene da proteggere e valorizzare nel tempo.
Il legislatore costituzionale aveva dato così le ‘direttive’ da perseguire ad opera del legislatore ordinario.
La tutela della concorrenza è diventata:

  • interesse pubblico fondamentale e
  • interesse di rilevanza costituzionale ed
  • è anche alla base dei principi dell’Unione Europea. Anzi, è uno dei più importanti pilastri dell’ordinamento economico europeo.

Qualunque potere politico non può quindi porre limitazioni ad essa.

Condividi: