Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Imprese nazionali favorite dall’Antitrust?

Imprese nazionali favorite dall’Antitrust?

Imprese nazionali favorite dall’Antitrust?

Il diritto antitrust deve garantire un identico trattamento a tutte le imprese di qualunque nazionalità siano. Tuttavia spesso, nella prassi, si riscontrano più preoccupazioni cd. ‘protezionistiche’.
Le autorità tendono ad applicare il diritto antitrust alle imprese nazionali con minore severità di quanto non facciano con imprese straniere ed in particolare extra europee.

Forse per la paura che le imprese locali:

  • troppo piccole ed
  • incapaci di fronteggiare una concorrenza cd. globale,

vengano spazzate dal mercato o addirittura fagocitate da imprese extra europee (in prevalenza americane, cinesi o giapponesi).
Infatti molti stati membri adottano spesso ‘misure di sostegno’ e quindi direi ‘anticoncorrenziali’ a favore delle proprie imprese nazionali.

Le imprese nazionali sarebbero minacciate dalla concorrenza straniera, anche se in realtà queste ultime potrebbero essere operatori commerciali più efficienti ed organizzati.
Per esempio la nostra legge n. 287 del 1990:

  • a)grazie all’art. 4, impone l’Autorità Antitrust di valutare l’opportunità di autorizzare, per un periodo limitato, intese restrittive della concorrenza derogando ai divieti. Ciò avuto riguardo alla necessità che le imprese italiane siano (e rimangano) concorrenziali sul piano internazionale, oppure
  • b)l’art.25 conferisce il potere al Consiglio dei Ministri di determinare in via generale e preventiva alcuni criteri in forza dei quali l’Autorità Antitrust possa in via eccezionale autorizzare operazioni di concentrazione in deroga alla disposizione dell’art. 6. Ciò in presenza di rilevanti interessi generali dell’economia nazionale nell’ambito dell’integrazione europea.

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi 00393389703108 – 00352621469821 – email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: