Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Il contratto di appalto con lo Stato o altro ente pubblico ed il diritto antitrust.

Il contratto di appalto con lo Stato o altro ente pubblico ed il diritto antitrust.

Il contratto di appalto è un contratto tipico regolato dagli articoli 1655 e ss. del codice civile.
Esso viene spesso utilizzato dagli imprenditori.
Questo tipo di contratto può avere delle ripercussioni a livello antitrust poichè:

a) le norme del codice civile si applicano, seppur in via residuale, anche agli appalti in cui una delle parti contraenti è lo Stato o un ente pubblico,
b) lo Stato e le altre amministrazioni pubbliche possono agire come soggetti economici nel mercato, ma devono anch’essi rispettare le norme sulla concorrenza ed in particolare devono garantire la concorrenza tra gli operatori del mercato,
c) la concorrenza è un principio generale importantissimo delle attività di procurement delle amministrazioni pubbliche

Infatti i giudici amministrativi ritengono che la tipicità di un contratto (cioè il fatto che sia previsto dal codice civile) non esclude in via assoluta la sua possibile illiceità dal punto di vista della disciplina antitrust.
In pratica va verificato in concreto se il contratto di appalto viene utilizzato da due o più imprese per fini anticoncorrenziali (TAR Lazio, sezione I, 28-06-2004, n. 6299 e Consiglio di Stato, sezione VI, 14-01-2002, n.150) a danno della pubblica amministrazione.