Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Gli ispettori Antitrust. Quali documenti possono chiedere.

Gli ispettori Antitrust. Quali documenti possono chiedere.

Gli ispettori antitrust. Quali documenti possono chiedere.

Gli ispettori Antitrust, al momento dell’accesso presso i locali dell’impresa, possono richiedere a tutti i dipendenti indipendentemente dal grado, mansioni o qualifica una serie di atti e documenti in formato cartaceo:

  • a) contratti,
  • b) fax,
  • c) corrispondenze varie intercorse,
  • d) bozze di atti, lettere e contratti,
  • e) nonchè appunti vari.

Possono verificare altresì:

  • f) archivi,
  • g) agende,
  • h) diari,
  • i) indirizzari,
  • l) rubriche,
  • m) blocchi per appunti,
  • n) fatture e ricevute fiscali,
  • o) appunti o resoconti informali,
  • p) registri vari e
  • q) i giustificativi delle spese particolarmente interessanti per gli ispettori.

Questi ultimi ricercano, in relazione al punto p) di cui sopra: le fatture di ristoranti, ricevute varie per spese di viaggi fra i quali vi possono essere i biglietti aerei, di parcheggi, autostradali o fatture per affitto di sale riunioni.
Queste ultime spese possono infatti dimostrare che l’impresa:

  • in quel dato giorno ed a quell’ora
  • in un determinato luogo

ha partecipato ad una riunione nella quale si discuteva di una intesa illecita anticoncorrenziale.

Se consideri questo articolo di utilità, condividilo con chiunque ritieni sia interessato. Grazie.

Condividi: