Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Tribunali e Corti d’appello  > Fideiussione omnibus ed intese bancarie.

Fideiussione omnibus ed intese bancarie.

Fideiussione omnibus ed intese bancarie.

La nullità dei contratti di fideiussione omnibus per violazione del divieto di intese anticoncorrenziali di che tipo è?

La fideiussione omnibus che riproduca il testo dello schema contrattuale predisposto dall’ABI nel 2003, adottato generalmente da parte degli istituti di credito, è stata ritenuta intesa anticoncorrenziale e come tale vietata dalla Banca d’Italia con provvedimento del 02.05.2005.

La eventuale nullità della fideiussione omnibus rilasciata sulla base di quello schema può considerarsi parziale. Quindi riguarda le sole clausole indicate da quel provvedimento che violano la normativa antitrust. La conseguenza è che, in applicazione del generale principio dell’art. 1419 .c.c il contratto di garanzia non può considerarsi interamente nullo. Infatti:

  • la Banca lo avrebbe comunque concluso ed
  • il cliente non ha allegato ragioni per cui “l’assenza di clausole, comportanti effetti gravosi nei suoi confronti, lo avrebbero dovuto indurre a non stipulare i negozi in questione”.

Cosa vuol dire? In pratica la nullità delle clausole, che sono il frutto di intese anticoncorrenziali, colpisce solo quelle clausole nulle e non l’intero contratto di fideiussione omnibus che rimane valido.

(Tribunale di Rovigo, sezione civile, causa n. 1925/2018 r.g. giudice P.F. Bazzega)

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi 00393389703108 – 00352621469821 – email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: