Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Intese anticoncorrenziali lecite.

Intese anticoncorrenziali lecite.

Intese anticoncorrenziali lecite.

Le intese anticoncorrenziali nella maggior parte dei casi sono illecite. Tuttavia in due casi posso essere lecite.

L’accordo, la pratica commerciale concordata o la decisione dell’associazione di imprese per essere illecita deve essere:

  • a) idonea a determinare
  • b) sul mercato di riferimento,
  • c) per il suo oggetto o per i suoi effetti,
  • d) una restrizione della concorrenza sensibile o consistente.

La Commissione Europea con la comunicazione del 30-08-2014 ha però fornito una serie di indicazioni che servono alle imprese per stabilire se una intesa fra loro sia o meno illecita in quanto determini una restrizione sensibile o consistente della concorrenza.

Tuttavia le intese che hanno per oggetto una restrizione della concorrenza sono sempre illecite, mentre quelle che sono idonee a produrre un effetto restrittivo della concorrenza possono anche essere lecite in alcuni casi.

Questi casi ricorrono quando vi è una restrizione della concorrenza cd. “trascurabile”.
In generale vi è una restrizione della concorrenza trascurabile (Comunicazione “de minimis”) e cioè quando:

  • 1) vi è una intesa tra concorrenti la cui quota di mercato congiuntamente considerata sia inferiore al 10%, nonchè
  • 2) vi è un’intesa tra imprese non concorrenti la cui quota individuale di mercato risulta inferiore al 15%.