Avvocato Cavalea > Altro  > Denominazioni d’origine – etichettatura – carni

Denominazioni d’origine – etichettatura – carni

Sarà obbligatorio:

-indicare l’origine della materia prima per carni suine, avicole e ovi-caprine,

-specificare sulle confezioni degli alimenti le principali informazioni nutrizionali (valore energetico, quantità di grassi, carboidrati, zuccheri, proteine, sale…) ad eccezione di alcune bevande alcoliche,

-indicare la presenza di allergeni,

-specificare se le carni sono state addizionate con acqua.

Le nuove etichette dovranno essere:

-più trasparenti e

-con misure standard per caratteri tipografici (min. 1,2 mm).

Sarà vietata ogni forma di presentazione dei prodotti che possa causare il rischio di indurre in errore i consumatori.

Gli Stati possono però introdurre informazioni aggiuntive rispetto a quelle obbligatorie europee.

Dovranno essere emanati i regolamenti attuativi ad opera della Commissione che ha due anni di tempo.

Nei prossimi anni Bruxelles valuterà se applicare tali regole anche ai prodotti trasformati con un solo ingrediente, ai formaggi, ai prosciutti ed ai salami.