Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Tribunali e Corti d’appello  > Contributo all’Antitrust legittimo.

Contributo all’Antitrust legittimo.

Contributo all’Antitrust legittimo.

Una società ricorrente aveva eccepito l’illegittimità costituzionale del contributo per gli oneri di funzionamento dell’Antitrust ai sensi dell’art. 10 della legge n. 287/1990 per:

  1. violazione dei principi di uguaglianza e ragionevolezza,
  2. del principio di capacità contributiva nonché
  3. per l’illegittimità della sua quantificazione.

Tuttavia la Commissione Tributaria Provinciale di Treviso ha considerato il contributo per gli oneri di funzionamento dell’Autorità Antitrust italiana come una imposizione tributaria:

  • imposta a norma di legge e
  • costituzionalmente legittima dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 269 del 2017.

Il contributo è fissato:

  • nella misura dello 0,08 per mille del fatturato dell’impresa e 
  • dalla stessa Autorità Antitrust la quale può deliberare delle variazioni nel limite massimo dello 0,05 per mille.

Tale contributo è dovuto da quelle imprese che hanno una “particolare struttura, rilevante dimensione economica e presenza significativa sui mercati” (fonte: Commissione UE).

Tali imprese sono:

  • le destinatarie principali dell’attività dell’autorità stessa e quindi
  • responsabili della relativa spesa.

(Commissione Tributaria Provinciale di Treviso, sentenza 233/2018 depositata il 10.07.2018)

Condividi: