Avvocato Cavalea > Articoli  > Concorrenza sleale  > Contributi previdenziali per il patto di non concorrenza.

Contributi previdenziali per il patto di non concorrenza.

Contributi previdenziali per il patto di non concorrenza.

Vanno versati i contributivi previdenziali  per il corrispettivo pagato in seguito alla stipulazione di un patto di non concorrenza ai sensi dell’art. 2125 c.c.

A livello pratico l’aspetto contributivo delle somme erogate ai sensi dell’art. 2125 riveste notevole importanza sia per l’imprenditore che per il dipendente.

Il compenso erogato ai sensi dell’art. 2125 c.c. pur non avendo carattere retributivo,  è assoggettabile a contribuzione previdenziale in quanto concorre a formare la base imponibile per il calcolo dei contributi previdenziali e assistenziali:

  • sia che venga corrisposto in costanza del rapporto di lavoro in forma di percentuale sulla retribuzione,
  • sia che venga interamente versato successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro.

Infatti tale corrispettivo costituisce vera e propria retribuzione ed è soggetto a contribuzione previdenziale ai sensi dell’art. 12 della legge 30-04-1969, n. 153. Si veda sul punto: Cassazione civile,  sezione lavoro,  sentenza n. 3507 del 04.04.1991.

Le somme corrisposte ai sensi dell’art. 2125 c.c. successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro costituiscono base imponibile ai fini contributivi e più in particolare ogni erogazione che derivi o sia comunque occasionata dal rapporto di lavoro dipendente.

Tale compenso non è inquadrabile tra le voci che tale disposizione normativa esenta dalla contribuzione. Si veda: Cassazione civile,  sezione lavoro,  sentenza del 20.07.1983, n. 5014.

Infatti è escluso che il corrispettivo erogato ai sensi dell’art. 2125 c.c. possa essere inquadrato in una delle ipotesi di esclusione dalle basi imponibili previste dal d.p.r. n. 917 del 1986 in quanto:

  1. non ha natura risarcitoria ma
  2. costituisce il corrispettivo di una obbligazione di non facere e
  3. non è finalizzato ad incentivare l’esodo del lavoratore.

Si veda anche: Cassazione civile, sezione lavoro,  sentenza del 15.07.2009, n. 16489.