Avvocato Cavalea > Articoli  > Contratti di fideiussione nulli per violazione norme antitrust.

Contratti di fideiussione nulli per violazione norme antitrust.

Contratti di fideiussione nullo per violazione norme antitrust.

Le norme bancarie uniformi ABI in materia di contratti di fideiussione sono state considerate nulle in quanto contenevano clausole contrarie a norme imperative. Le Banche però uniformavano i loro contratti di fideiussione agli schemi dell’ABI. 

Quindi i consumatori stipulavano contratti di fideiussione, definiti contratti “a valle”, che costituivano l’applicazione di quelle intese illecite concluse “a monte”. 

La Cassazione ha però considerato nulli quei contratti di fideiussione stipulati anteriormente all’accertamento dell’intesa da parte dell’Autorità indipendente a condizione che quell’intesa sia stata posta in essere materialmente prima del negozio (il contratto di fideiussione) denunciato come nullo.

L’Autorità indipendente preposta alla regolazione o al controllo di quel mercato bancario era la Banca d’Italia che aveva funzioni di Autorità garante della concorrenza tra istituti creditizi ai sensi degli articoli 14 e 20 della legge n.287 del 1990 fino al 12.01.2016.

Infatti a far data dal 12.01.2016 le funzioni di autorità garante della concorrenza tra istituti creditizi sono state trasferite all’AGCM (si veda la legge n.262 del 2005).

(Corte di Cassazione, sezione 1 civile, ordinanza n. 29810 pubblicata il 12.12.2017, rel. F.A. Genovese).

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi 00393389703108 – 00352621469821 – email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: