Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Concorrenza sleale pura. La competenza.

Concorrenza sleale pura. La competenza.

Concorrenza sleale pura. La competenza.

La concorrenza sleale pura e la domanda di risarcimento danni per abuso di dipendenza economica devono essere promosse avanti il Tribunale ordinario e non alla sezione specializzata.

La giurisprudenza di legittimità (da ultimo si veda Cass. civ. sez- V1-1 n. 22584 del 4.11.2015) ha specificato di nuovo che non sussiste la competenza delle sezioni specializzate in materia di impresa:

-sia quando la domanda miri ad accertare una ipotesi di concorrenza sleale cd. pura. C’è concorrenza sleale pura quando la lesione dei diritti riservati non sia, in tutto o in parte, elemento costitutivo della lesione del diritto alla lealtà concorrenziale, che esige la valutazione “incidenter tantum” delle privative in gioco,

-sia nel caso in cui la richiesta di risarcimento dei danni sia proposta in ragione od in connessione ad una ipotesi di abuso di dipendenza economica di un’impresa da un’altra, ai sensi dell’art. 9 della legge n. 192 del 1998. Infatti in quest’ultimo caso si tratta di ipotesi di natura puramente contrattuale estranea al concetto di abuso di posizione dominante, di cui all’art. 3 della legge n. 287 del 1990 e, quindi, priva di rilevanza per la tutela della concorrenza e del mercato.

(Corte di Cassazione, sezione 6° civile, ordinanza n.22747 pubblicata il 28.09.2017)