Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Settore penale  > Concorrenza illecita e responsabilità penale.

Concorrenza illecita e responsabilità penale.

Concorrenza illecita e responsabilità penale.

La concorrenza illecita è punita anche dall’art. 513 bis del cod. pen.

Infatti secondo la giurisprudenza di legittimità la finalità della disposizione normativa contenuta nell’art. 513 bis c.p. risponde all’esigenza di reprimere la concorrenza illecita attuata con metodi violenti, ossia con metodi tipici delle organizzazioni criminose.
La previsione normativa:

  • 1)non è però limitata ad appartenenti ad associazioni criminali e
  • 2)ha di mira la concorrenza che si manifesta con forme di intimidazione tipiche della criminalità organizzata.

La criminalità organizzata, con metodi violenti, tende a controllare le attività commerciali e produttive in modo da condizionarle.
Si vedano sul punto: Cass. n. 450 del 1995, n. 13691 del 2005 e Cass. n. 46756 del 2005.

Mentre l’interesse tutelato dalla disposizione normativa consiste in primo luogo nel buon funzionamento dell’intero sistema economico. Ciò perché con tale norma si è voluto:

  • a)più che reprimere forme di concorrenza sleale, impedire che tramite comportamenti violenti o intimidatori siano eliminati gli stessi presupposti della concorrenza al fine di acquisire illegittimamente posizioni di preminenza o di dominio,
  • b)tutelare la libertà delle persone di autodeterminarsi nel settore.

Quindi qualsiasi comportamento violento o intimidatorio idoneo ad impedire al concorrente di autodeterminarsi nell’esercizio della sua attività

  • commerciale,
  • industriale o
  • comunque produttiva

configura l’atto di concorrenza illecita prevista dall’art. 513 bis c.p..

(Nel caso affrontato dalla Cassazione, soggetti appartenenti ad una consorteria “mafiosa” imponevano con violenza o minaccia la collocazione di macchinette da gioco costringendo i gestori dei locali a “buttare fuori” quelle in precedenza installate).
(Corte di Cassazione, sez. 1 penale, sentenza n.28239 pubblicata il 20.02.2018, rel. Novik Adet Toni)

Condividi: