Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Competenza per territorio nelle cause di concorrenza sleale.

Competenza per territorio nelle cause di concorrenza sleale.

Competenza per territorio nelle cause di concorrenza sleale.

In tema di competenza per territorio nelle cause concorrenza sleale la Corte di Cassazione ha affermato ripetutamente che il luogo di
commissione dell’illecito:

  • a)non è quello in cui l’attore che si affermi danneggiato ha la sua sede,
  • b)bensì quello in cui si siano materialmente verificati sia gli atti che si assumono lesivi della norma di cui all’art. 2598 cod. civ. sia i conseguenti effetti sul mercato dell’attività concorrenziale vietata.

Si veda sul punto: Corte di Cassazione, sezione 1 civile, sentenza n. 12974 del 13-07-2004; Corte di Cassazione sentenza del 20-03-1998 n. 2932.
Quindi ai fini dell’individuazione del giudice competente, occorre procedere alla delimitazione in concreto della sfera territoriale d’incidenza dell’illecito di concorrenza sleale avendo riguardo:

  • 1)alla località in cui è stato commesso e
  • 2) all’area di naturale espansione delle sue conseguenze materiali da apprezzarsi anche in base alle caratteristiche specifiche dell’attività che ne è risultata pregiudicata.

In pratica si deve valutare dove si producono gli effetti della condotta che si ritiene scorretta. Quello sarà il luogo ove individuare il giudice competente per territorio.

(Corte di Cassazione, sezione 6 civile, ordinanza n.21776, pubblicata il 27-10-2016, presidente V. Ragonesi)

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi 00393389703108 – 00352621469821 – email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: