Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Tribunali e Corti d’appello (Page 3)

Competenza in materia di concorrenza sleale.

Sebbene la competenza in materia di concorrenza sleale spetti in gran parte alle sezioni specializzate una parte residua appartiene al giudice ordinario. Tale bipartizione è determinata dall’art. 134 del cod. della proprietà industriale che prevede la devoluzione alla cognizione delle sezioni specializzate di tutte le controversie...

Prescrizione e normativa antitrust.

Prescrizione e normativa antitrust. Da quando inizia a decorrere la prescrizione in materia di antitrust e quale è il Tribunale competente per richiedere il risarcimento dei danni in caso di illecito antitrust? Appartengo alla giurisdizione del Giudice ordinario ed in particolare alla sezione specializzata in materia d’impresa...

Prodotti confondibili e la concorrenza sleale.

Prodotti confondibili e la concorrenza sleale. L’interesse tutelato, nell’ ipotesi di cui all’ art. 2598 n. 1 c.c., che pone il divieto specifico di atti confusori inerenti i nomi e segni distintivi o i prodotti, è quello: -dell’imprenditore all’ identità commerciale, oltre -al correlativo interesse dei consumatori contro...

Come tutelare la ditta dell’imprenditore.

Come tutelare la ditta dell'imprenditore. La disposizione normativa dell’art. 2564 c.c. è posta a tutela: -del diritto dell’imprenditore al proprio segno distintivo costituito dalla ditta ed -a proteggerlo dal pericolo di confusione, per effetto dell’uso, da parte di un altro imprenditore, di una ditta uguale o simile. Cosa si verifica...

Concorrenza sleale per appropriazione di pregi.

Concorrenza sleale per appropriazione di pregi. La concorrenza sleale per appropriazione dei pregi dei prodotti o dell’impresa altrui non consiste nell’adozione, sia pur parassitaria, di tecniche materiali o procedimenti già usati da altra impresa. In questo ultimo caso si configura, piuttosto, la concorrenza sleale per imitazione servile. Quindi...

Identità commerciale dell’imprenditore.

L'identità commerciale dell'imprenditore. L’art. 2598 n. 1 c.c. sanziona come illeciti i comportamenti di imitazione servile confusoria. E’ necessario che la stessa sia idonea a creare confusione: -con i prodotti e -con l’attività del concorrente imitato. L’interesse tutelato è quello: -dell’imprenditore all’identità commerciale, oltre al correlativo interesse -dei consumatori contro gli sviamenti...