Avvocato Cavalea > Articoli  > Concorrenza sleale  > Breve evoluzione storica della disciplina della concorrenza sleale in Italia

Breve evoluzione storica della disciplina della concorrenza sleale in Italia

In Italia, fino all’introduzione del codice civile, mancava una normativa precisa sui comportamenti da considerarsi “sleali”.

Vi era comunque un sentire comune volto ad evitare la diffusione di comportamenti scorretti e disonesti nella competizione, ma non vi era un riscontro normativo al riguardo.

Tale vuoto normativo venne colmato, come spesso avviene, dalla giurisprudenza la quale applicava a comportamenti non considerati corretti, la normativa sull’illecito civile extracontrattuale.

La repressione delle condotte “disoneste” avveniva solo in sede giudiziale riconducendo le fattispecie sotto l’alveo dell’illecito civile.

La prima vera disciplina organica sulla repressione della concorrenza sleale è quella introdotta dalla Convenzione d’Unione di Parigi stipulata nel 1883 sulla tutela della proprietà intellettuale che nel testo del 1925, ha introdotto l’art. 10 bis.

Tale articolo dispone che:

“I Paesi dell’Unione devono assicurare una protezione effettiva contro la concorrenza sleale.

Costituisce atto di concorrenza sleale qualsiasi atto di concorrenza contrario agli usi onesti in materia industriale e commerciale.

In particolare, devono essere vietati:

1)tutti i fatti di natura tale da creare confusione, quale che sia il mezzo adoperato, con lo stabilimento, i prodotti o l’attività industriale o commerciale di un concorrente;

2)le allegazioni false nell’esercizio del commercio tali da screditare lo stabilimento, i prodotti o l’attività industriale o commerciale di un concorrente;

3)le indicazioni o allegazioni il cui uso, nell’esercizio del commercio, è idoneo ad indurre in errore il pubblico sulla natura, il modo di fabbricazione, le caratteristiche, l’attitudine all’impiego o la quantità delle merci”.

Tale convenzione internazionale venne recepita in Italia con una legge del 1926 ed è stata la sola disciplina della materia della concorrenza fino all’introduzione del Codice Civile nel 1942 con l’introdotto gli articoli 2598 e ss.

Condividi: