Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Banca Popolare di Vicenza e pratica commerciale scorretta.

Banca Popolare di Vicenza e pratica commerciale scorretta.

Banca Popolare di Vicenza e pratica commerciale scorretta.

La Banca Popolare di Vicenza è stata multata con una sanzione pari a 4 milioni e 500.000 euro dall’Antitrust nell’adunanza del giorno 6 settembre 2016.

La Banca costringeva i clienti a diventare soci al fine di ottenere un mutuo agevolato e quindi a condizioni migliori rispetto ad un mutuo ordinario.
Con questa condotta la banca, che è la decima realtà bancaria in Italia per totale attivo, riusciva a finanziare le operazioni di aumento di capitale sociale. Tale operazione si è svolta negli anni 2013 e 2014.
In pratica i consumatori venivano costretti:

  • 1)ad acquistare un pacchetto minimo di azioni della banca (pari a n. 100 azioni) ed obbligazioni convertibili altrimenti non avrebbero ricevuto il finanziamento da parte della banca. Tuttavia tali titoli erano difficilmente negoziabili e liquidabili, stante la natura di società non quotata della Banca Popolare di Vicenza,
  • 2)a non vendere tali pacchetti azionari, per continuare a beneficiare delle condizioni economiche agevolate per i cosiddetti mutui-soci,
  • 3)ad aprire un ulteriore conto corrente riservato ai soci anche in questo caso per poter usufruire della qualifica di soci e perfezionare la concessione del mutuo.

Tale pratica commerciale è stata considerata scorretta in quanto:

  • a)si limita la libertà di scelta dei consumatori in relazione ai prodotti di finanziamento,
  • b)vengono indotti ad assumere una decisione commerciale che non avrebbero altrimenti preso,
  • c)la Banca ha posto in essere una pratica cd. ‘legante’ mutui-conti correnti vietata dagli: art. 20, comma 2; art. 21, comma 3-bis, art. 24 e art. 25 del Codice del Consumo (Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206).

La Banca ha violato gli obblighi di diligenza professionale ed ha posto in essere una pratica commerciale idonea a falsare  in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio.