Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Appropriazione di somme di un agente e concorrenza sleale.

Appropriazione di somme di un agente e concorrenza sleale.

Appropriazione di somme dell’agente e concorrenza sleale.

Una società preponente che agiva per appropriazione di somme di un suo agente non aveva provato in giudizio:

  • l’attività di concorrenza sleale posta in essere da quest’ultimo in danno della medesima e
  • la giusta causa del recesso.

Non è stato a tal fine sufficiente far riferimento ad un preteso inadempimento contrattuale dell’agente consistito nell’appropriazione di somme corrisposte dai clienti e spettanti alla società. Ciò anche perchè risultava dal contratto che l’agente aveva la facoltà di incassare somme in nome e per conto della propria mandante.
Nel rapporto di agenzia intercorso tra la società e l’agente non erano risultati provati comportamenti dell’agente costituenti giusta causa di risoluzione del rapporto di agenzia senza diritto all’indennità sostitutiva del preavviso.
Quindi la Corte di Appello ha rigettato l’appello e la Cassazione ha confermato la sentenza di secondo grado in quanto:

  • in assenza di giusta causa del recesso 
  • non sussisteva neppure la concorrenza sleale.

Di conseguenza era dovuta l’indennità sostitutiva del preavviso, in quanto la società:

  • aveva risolto in tronco il rapporto e
  • non aveva dimostrazione la giusta causa.

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza n.393 pubblicata il 13-01-2012, presidente G. Vidiri.

Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi ne possa trarre beneficio. Grazie.

Se hai domande, non esitare a contattarmi: 0039-3389703108 / 00352-621469821 / email: avvcavalea@gmail.com

Condividi: