Avvocato Cavalea > Articoli  > Antitrust  > Aperta una procedura istruttoria da parte dell’Antitrust sulla concentrazione fra il Gruppo Editoriale l’espresso e la Italiana Editrice.

Aperta una procedura istruttoria da parte dell’Antitrust sulla concentrazione fra il Gruppo Editoriale l’espresso e la Italiana Editrice.

Il giorno 11-01-2017 l’Autorità Antitrust ha avviato un’istruttoria sull’acquisizione del controllo di Italiana Editrice da parte di Gruppo Editoriale L’Espresso s.p.a. (del gruppo De Benedetti).
Tale operazione di concentrazione è stata notificata all’Autorità per le valutazioni di competenza alla fine del mese di novembre 2016.
I gruppi editoriali interessati dall’operazione sono entrambi attivi: a) nell’editoria di quotidiani e periodici, b) nella distribuzione e c) nella raccolta pubblicitaria su stampa periodica e quotidiana, online, su mezzo radiofonico e su quello televisivo.
Nei mercati della raccolta pubblicitaria locale sui quotidiani nelle province di Torino e Genova l’integrazione delle attività delle concessionarie Manzoni e Publikompass, facenti capo a Gruppo Editoriale L’Espresso e Italiana Editrice, porterà alla costituzione di posizioni di monopolio o quasi monopolio.
Infatti l’operazione in esame, in quanto comporta l’acquisizione del controllo esclusivo di un’impresa, costituisce una concentrazione ai sensi dell’articolo 5, comma 1, lettera b), della legge n. 287/90.
Essa rientra nell’ambito di applicazione della legge n. 287/90, non ricorrendo le condizioni di cui all’articolo 1 del Regolamento CE n. 139/04 (ed è soggetta all’obbligo di comunicazione preventiva disposto dall’articolo 16, comma 1, della stessa legge).
Il fatturato totale realizzato nell’ultimo esercizio a livello nazionale dall’insieme delle imprese interessate è stato superiore a 495 milioni di euro.
Di conseguenza l’istruttoria è volta ad accertare se in tali mercati l’operazione di concentrazione è suscettibile di eliminare o ridurre in maniera sostanziale e durevole le dinamiche concorrenziali.
L’istruttoria dovrà concludersi entro quarantacinque giorni a far data dall’11 gennaio 2017, fatto salvo il termine previsto per il rilascio del parere da parte dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ai sensi dell’articolo 1, comma 6, lettera c), n. 11 della legge 31 luglio 1997, n. 249.