Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Agente e preponente. Modifiche della legge.

Agente e preponente. Modifiche della legge.

Agente e preponente. Modifiche della legge.

Il patto di non concorrenza fra agente e preponente deve essere valutato alla luce della legge in vigore al momento in cui lo hanno stipulato.

In assenza di una disciplina transitoria predisposta dal legislatore (stabilita invece dall’art 6 D.Lgs.  n. 303 del 1991 per l’applicazione ai contratti in corso del comma co. I dello stesso articolo 1751 bis c.c.)  deve farsi riferimento all’art. 11 disp. prel. c.c. secondo cui:

  • la legge non dispone che per l’avvenire e
  • la legge non ha effetto retroattivo.

Le condizioni di validità di un contratto e quindi di un patto di non concorrenza fra agente e preponente devono essere vagliate sulla base della normativa in vigore ai momento in cui esso è stato concluso, secondo il principio tempus regit actum.

Infatti lo jus superveniens  (cioè la legge successiva anche se più favorevole all’agente) non può essere applicato:

  • oltre che ai rapporti giuridici esauriti, anche ai rapporti:
  • sorti anteriormente ed
  • ancora in vita se in tal modo:

a)si disconoscano gli effetti già verificatisi del fatto passato, o

b)si venga a togliere efficacia, in tutto o in parte, alle conseguenze attuali e future dello stesso.

Si vedano sul punto le numerose: Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 2926 del 1967, Corte di Cassazione, sentenza n. 3231 del 1987, Corte di Cassazione, sentenza n. 4462 del 1999, Corte di Cassazione, sentenza n. 2433 del 2000 e Corte di Cassazione, sentenza n. 14073 del 2002.

Quindi se non si applicasse la regola descritta della naturale irretroattività della legge, si altererebbe in modo determinante l’originario programma contrattuale che le parti, agente e preponente, si erano liberamente date, producendo effetti iniqui.

(Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 13796 pubblicata il 31.05.2017, Presidente V. Nobile).

Condividi: