Avvocato Cavalea > Sentenze  > Concorrenza sleale  > Corte di Cassazione e Corti Europee  > Abuso di dipendenza economica e di posizione dominante.

Abuso di dipendenza economica e di posizione dominante.

Abuso di dipendenza economica e abuso di posizione dominante.

La nozione di abuso di dipendenza economica ai sensi dell’art. 9 della legge 18 giugno 1998 n.192 è diversa da quella di abuso di posizione dominante stabilita dalla legge antitrust.

Si è di fronte ad un abuso di dipendenza economica quando c’è una situazione in cui:

  • un’ impresa sia in grado di determinare,
  • nei rapporti commerciali con un’altra impresa,
  • un eccessivo squilibrio di diritti e di obblighi.

La dipendenza economica è valutata tenendo conto anche della reale possibilità per la parte che abbia subito l’abuso di reperire sul mercato alternative soddisfacenti.
L’Antitrust può:

  • qualora ravvisi che un abuso di dipendenza economica abbia rilevanza per la tutela della concorrenza e del mercato,
  • anche su segnalazione di terzi ed a seguito dell’attivazione dei propri poteri di indagine ed esperimento dell’istruttoria,
  • procedere alle diffide e sanzioni previste dall’articolo 15 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, nei confronti dell’impresa o delle imprese che abbiano commesso detto abuso.

Si deve affermare, pertanto, la competenza della sezione comune del giudice ordinario e non di quella specializzata, nei casi di abuso di dipendenza economica che:

  1. scaturisce solo da un contratto e
  2. non ha rilevanza per la tutela della concorrenza e del mercato in generale.

Mentre l’abuso di posizione dominante, al contrario della prima, è di competenza della Sezione specializzata. 

(Corte di Cassazione, sezione 6 civile, ordinanza n. 22584, pubblicata il 04-11-2015, presidente M. Dogliotti).

Condividi: