Si può utilizzare il nome e l’immagine di un personaggio famoso della storia per pubblicizzare i propri prodotti?

In ambito commerciale si può, in generale, utilizzare nomi e ritratti di persone famose e della storia come per esempio l’effigie di Garibaldi o di Camillo benso Conte di Cavour per pubblicizzare i propri prodotti.

Non si rientra nell’ipotesi contemplata dall’art. 10 del cod. civ. (abuso dell’immagine altrui).

Infatti solo l’interessato o i prossimi congiunti del medesimo possono agire per tutelare l’immagine ed il nome utilizzati abusivamente (illecitamente).

Quindi nel caso di una persona famosa deceduta anni or sono, potranno agire solo i suoi prossimi congiunti.

Si commette un illecito civile (ed alcune volte anche penale) se l’immagine o il nome vengono per esempio pubblicati:

-fuori dai casi consentiti dalla legge, o se

-si lede il decoro, la reputazione o l’onore della persona.

Inoltre nel caso di un personaggio notorio (cd. famoso) o conosciuto a causa dell’ufficio pubblico ricoperto (per esempio un Ministro) non è necessario neppure il suo consenso (v. l’articolo 97 della legge sul diritto d’autore).

Quindi si può utilizzare l’effigie o l’immagine di un personaggio storico per pubblicizzare i propri prodotti (ma attenti ai prossimi congiunti del medesimo!)

(Tribunale di Torino, sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza del 17-08-2011, Pres. Scotti)